La versione poco recente del tuo browser potrebbe limitare le prestazioni del sito.
Aggiorna e andrà come un razzo!
Focus

Il lancio del nuovo sito di copiaincolla ha un che di un lancio spaziale

Questo sembra il primo editoriale e copiaincolla sembra un razzo

Per missioni a metà tra scienza e sogno


Tutti quanti abbiamo sognato da bambini di fare gli astronauti. E se non l'abbiamo sognato abbiamo comunque compreso bene chi lo faceva. Col naso all'insù, a guardare le stelle, senza distinguere mai del tutto se quella cosa fosse onirica oppure astronomica, un argomento da grandi oppure da piccoli.

Per la prima copertina del nuovo copiaincolla.com - un sito che per qualche anno si è creduto un circo e che ora si è messo in testa di essere un magazine, con tanto di copertina che cambierà periodicamente - in agenzia abbiamo scelto l'immagine del razzo. Un missile di quelli che da bambini abbiamo messo dentro a qualche disegno e in qualche avventura. Un missile che a copiaincolla esiste davvero, parcheggiato in un angolo del nostro open space.

L'unica agenzia che tiene un razzo di 4 metri in ufficio è stato uno dei must dell'ultimo anno qui.
La ragione per cui vive con noi da qualche anno è una tipica storia di copiaincolla. Se lo abbiamo usato come prima copertina del nuovo copiaincolla.com è perché ci sembrava perfetto per raccontare l'ultimo anno che abbiamo vissuto e il progetto stesso di questo nuovo sito.

Qualcosa che a che fare con dei grandi risultati e con le stelle. Quelle verso cui vola ogni razzo e quelle che abbiamo vinto noi.

Il Brand Identity Grand Prix assegnato per il lavoro sul caviale Penseri
Il Brand Identity Grand Prix assegnato per il lavoro sul caviale Penseri
Il CSS Design Awards che è stato riconosciuto a copiaincolla per tre progetti web
Il CSS Design Awards che è stato riconosciuto a copiaincolla per tre progetti web
I due OpenArtAward sono tra i premi conquistati da copiaincolla negli ultimi mesi
I due OpenArtAward sono tra i premi conquistati da copiaincolla negli ultimi mesi

Continuiamo a parlare di questo ultimo anno, ma perché? Cos'ha avuto di tanto speciale?

Di speciale ha avuto i molti premi - quella cosa della nuova mensola che abbiamo dovuto montare è vera, sul serio - e di speciale ha avuto i nuovi orizzonti creativi dentro cui abbiamo lavorato, per esempio sui social.

Di speciale l'ultimo anno ha avuto i nuovi paradigmi tecnici raggiunti in agenzia - quelli in realtà arrivano tutti gli anni, anzi probabilmente qui in agenzia cambiano ad ogni trimestre - ma è sempre strepitoso adottarli e riuscire a fare ancora meglio quel che facciamo. Tra quei paradigmi ci sono per esempio anche quelli su cui è costruito il progetto ambizioso e concettualmente europeo che abbiamo portato avanti per Apam.

È stato un ultimo anno in cui abbiamo assunto una nuova figura per reparto, rigorosamente a tempo indeterminato come vuole il credo aziendale - il turnover non crea senso d'appartenenza e non alimenta la chimica creativa e strategica interna a tutti i nostri gruppi di lavoro - e questa è una di quelle cose che spesso portano qualcuno a guardarci come fossimo extraterrestri. E quindi torniamo alle stelle e al razzo, di nuovo.

Può sembrare retorica dire che tutto quel che abbiamo raggiunto non ci basta, che nessuna azienda può sentirsi arrivata se ha come noi un'età media di 31 anni, che siamo sempre proiettati sulla missione successiva.
Se sembra retorica pazienza, noi lo diciamo comunque perché per noi quelle sono le uniche prospettive possibili.

Vogliamo continuare a colpire e sorprendere chi già ci conosce; e vogliamo che chi non ci conosce capisca che abbiamo quella soluzione che da tempo stava cercando.

Vogliamo proseguire su questa strada, facendo quel che facciamo, osando quel che osiamo, perché prima o poi di fianco al razzo giallo arriverà qualcos'altro di inaspettato come lo era stato lui. E aspettare di vedere cosa sarà, stuzzica la nostra curiosità.

Non avere ancora quella risposta dà la certezza di quante cose abbiamo ancora da immaginare, progettare, fare e veder nascere.
Verso l'infinito e oltre, come diceva quel tipo con le ali.

E ORA? HAI UN PROGETTO DI CUI PARLARCI? NOI SIAMO PRONTI